Le modalità per richiedere un prestito Inpdap

Le modalità per richiedere un prestito Inpdap sono tante. Questi tipi di finanziamenti ancora oggi vanno per la maggiore perché permettono di ricevere denaro in fretta a tassi agevolati. Questo termine è utilizzato per indicare quei finanziamenti gestiti dall’INPS, finanziarie e banche verso i lavoratori pubblici.

 

Nel 2012 l’Inpdap venne inserita nell’Inps e si occupa di fornire ai dipendenti e pensionati pubblici prestiti con un tasso agevolato. Sono due i tipi di finanziamento ottenibili.

 

Ci sono i prestiti erogati dall’ente stesso e i prestiti che invece vengono concessi da quegli istituti di credito che hanno fatto una vonvenzione con l’ex Inpdap. Quando è l’Inps a erogare i prestiti, attinge al Fondo Credito ottenuto grazie ai contributi di chi s’iscrive al sistema previdenziale pubblico. I tassi sono un po’ più vantaggiosi ma comunque dipendono molto da qual è il fondo a disposizione.

 

La richiesta per ottenere i prestiti deve essere presentata utilizzando i moduli rintracciabili all’interno del sito dell’Inps Gestione Dipendenti Pubblici. All’interno del sito web ci sono diversi modelli, atti a coprire le varie fasi contrattuali, compreso quello che permette di estinguere anticipatamente il debito. Le domande vanno poi presentate per via telematica. E’ piuttosto semplice perché ci sono delle istruzioni da seguire.

 

Si possono richiedere i piccoli prestiti, i quali variano in base allo stipendo o la pensione. Con la cessione del quinto è possibile ottenere piani lunghi, anche di 48 rate. Il tasso d’interesse è del 4,25%, le spese amministrative solo dello 0,5%.

 

Maggiore risparmio per gli insegnanti statali che sono iscritti all’ENAM, prima confluito nell’Inpdap e dopo nell’Inps. Per loro i piccoli finanziamenti hanno un TAN dell’1.5% e un totale di spese amministrative dell’1%. Sono compresi insegnanti delle scuole d’infanzia, delle primarie, i dirigenti scolastici, gli insegnanti di religione cattolica,i dirigenti dei servigi generali e amministrative. Possono rimborsare il denaro in un massimo di 24 rate. Il prestito viene erogato solo se vi sono spese giustificate.