Come si organizza un trasloco: i trucchi dei veri pro

Organizzare un trasloco non è per niente semplice perché ci sono un sacco di variabili a da prevede e tenere conto. Il trucco per riuscirci e non finire super stanchi e stressati, basta rubare i trucchi dai veri professionisti dei traslochi.

Preparare tutto il materiale in anticipo

Il primo consiglio che gli esperti vi possono dare per organizzare i traslochi è preparare tutto quello che vi serve in anticipo. È un po’ difficile farlo perché forse non sapete nemmeno che cosa servirà, ecco una breve lista di quello che può esser utile. Anzitutto, preparate tutto quello che serve per imballare gli oggetti da portare in casa. Dovete prendere degli scatolini di cartone di varie misura, non troppo grandi. Perché sono i contenitori migliori. Cercate un po’ al supermercato o chiedete al un commerciante di vostra fiducia che sicuramente ogni settimana butta via una mole indefinita di scatoloni.

Ci sono anche altri contenitori che possono fare al caso vostro come borsoni per la spesa o cassettine di plastica, come quelle usate per frutta e verdura. Vi serviranno anche materiali per imballaggio come il pluriball, cioè il foglio con le bollicine di plastica. In alternativa una soluzione low cost è il foglio del giornale, iniziate quindi a tenere da parte i vecchi giornali per il vostro trasloco.

Fare ordine e pulizia

Tenete conto che tutto quello che vedete in casa vostra dovrà esser smontato, imballato, caricato sui furgoni, trasportato, scaricato e poi sistemato in casa nuova. Non vi conviene fare tutto quello lavoro per gli oggetti che non servono a nulla. Il consiglio migliore è quindi quello di liberavi del superfluo. Dovete iniziare, anche mesi prima del trasloco a fare ordine in casa. È il consiglio numero uno per snellire e velocizzare le operazioni future.

Iniziate dall’armadio eliminando tutti gli indumenti che non usate più. il metro di giudizio non deve tenere conto dei vostri sentimentalismi, ma solo se avete indossato quel capo nell’ultimo anno oppure no. Passate poi ai libri che permettono sicuramente di snellire la mole di lavoro da fare. buttarli via però è un peccato, quindi donateli alla biblioteca più vicina o simile.

Per info e / o prenotazioni, vai su www.valentetraslochi.it