La comunicazione al giorno d’oggi, come cambia il modo di fare giornalismo ed informarsi online

comunicazione_integrata_2

Mestieri che vanno, mestieri che vengono. Si stima che circa la metà delle professioni di oggi tra vent’anni non esisterà più. E nella lista stilata dal rapporto annuale di Career Cast 2014 c’è anche quello del giornalista. Ma si tratta davvero di una professione che non si potrà più svolgere o siamo di fronte ad un’ inevitabile trasformazione del modo di fare giornalismo dettata dall’evolversi dei tempi e dallo sviluppo del potenziale digitale?

In origine c’era il taccuino, oggi se non conosci il coding e non hai competenze tecnologiche specifiche, non puoi essere un giornalista o meglio un giornalista del web. La carta stampata sta senza dubbio attraversando una crisi profonda che segna il passaggio verso un nuovo modo di fare comunicazione: quello che passa inevitabilmente attraverso internet, i mobile e i social network.

Oggi il giornalismo richiede redattori sempre più digitalizzati, che non sappiano solo scrivere – è ovvio- ma che sappiano occuparsi anche di “audience development and data” e di “visual storytelling“. Un nuovo giornalismo dunque, un web journalism che diventa scrittura online (web writing) nel rispetto di regole Seo da conoscere e seguire in modo rigoroso (ottimizzazione dei testi in funzione delle regole di posizionamento sui motori di ricerca).

Il lavoro del giornalista cambia e la differenza con la carta stampata c’è e si vede tutta. Il giornalista deve sempre prepararsi e acquisire una formazione adeguata, imparando le basi del mestiere partendo dalla “gavetta”. Non tutti quelli che scrivono “fanno” automaticamente giornalismo. È richiesto molto fiuto per la notizia, una certa sensibilità e destrezza nel trattare le questioni più delicate e spinose, soprattutto è necessario possedere le competenze adatte per poter parlare di certi argomenti (meglio ancora se sia il background formativo che l’esperienza maturata si riferiscono ad un certo ambito di specializzazione). Il bravo giornalista impara ad essere affidabile agli occhi dei suoi lettori e ad avere un’ottima web reputation. Scrive seguendo sempre le regole delle 5W (who, what, where, when, why) e sceglie le notizie per l’audience seguendo quella infallibile delle tre S (soldi, sesso, sangue).

Cosa cambia? Si potrebbe dire più che altro, cosa si deve aggiungere alla comunicazione di oggi affinché sia efficace. Si aggiungono nuove fonti (fermo restando sempre le più note agenzie di stampa) come i social network,  Facebook, e Twitter o piattaforme video come YouTube, LiveLeak e YouReporter. E si aggiungono le competenze in materia di Seo e ottimizzazione dei testi in base a parole chiave specifiche (keywords), che mirano sempre più a costruire una forte affidabilità e credibilità del giornale online.